Obiettivi

Con questo progetto si intende aumentare la sinergia tra le azioni di conservazione intraprese da diversi Enti Parco Nazionali , in attuazione all'obiettivo 3.1 del Piano d'Azione Nazionale per la Conservazione della Lepre italica.

In particolare, facendo riferimento al Piano Nazionale d'Azione, si intende raggiungere i seguenti obiettivi:

  • 1. aumento delle conoscenze sulla distribuzione (ob. 3.3);
  • 2. avvio della reintroduzione (ob. 3.3);
  • 3. miglioramento dello stato di conservazione (ob. 3.3, 3.4)
  • 4. aumento delle conoscenze scientifiche (ob. 3.7)
  • 5.condivisione dell'esperienze e delle conoscenze (ob. 3.1, 3.6)

Organizzazione

Il progetto vede la sinergia di 9 Enti Parco riuniti in partnership tra loro, che agiscono sotto la consulenza scientifica dell'ISPRA.

Per favorire un miglior coordinamento tra e con le aree faunistiche presenti sul territorio nazionale (ai sensi del Piano Nazionale d’Azione), sono stati invitati a partecipare alle attivitą del progetto anche altri Enti diversi dai Parchi Nazionali.


Azioni di progetto

Il progetto di conservazione della Lepre italica nei parchi aderenti prevede un’insieme di azioni, coordinate tra i diversi Enti partecipanti e distribuite nell'arco di 5 anni.

  • 1 - Aumento delle conoscenze sulla distribuzione
    • 1.1 definizione dei protocolli standard
    • 1.2 monitoraggio su campo ed elaborazione
  • 2 - Avvio della reintroduzione
    • 2.1 studi di fattibilitą
    • 2.2 reintroduzione
    • 2.3 realizzazione di aree faunistiche
    • 2.4 catture di individui fondatori e relativi studi preliminari per l'individuazione delle disponibilitą
    • 2.5 monitoraggio con radiotracking degli individui rilasciati
  • 3 - Miglioramento dello stato di conservazione
    • 3.1 restocking
    • 3.2 miglioramenti dell'habitat
    • 3.3 controllo della lepre europea
    • 3.4 monitoraggio della variabilitą genetica e dell'ibridizzazione
  • 4 - Aumento delle conoscenze scientifiche
    • 4.1 implementazione ed applicazione di un protocollo di identificazione individuale genetica di campioni non-invasivi (ISPRA)
    • 4.2 studio del comportamento territoriale con radio-tracking
    • 4.3 analisi della dieta
    • 4.4 monitoraggio sanitario
  • 5 - Condivisione delle conoscenze e delle esperienze
    • 5.1 supporto scientifico (ISPRA)
    • 5.2 realizzazione banca dati genetica (ISPRA)
    • 5.3 banca dati distribuzione (capofila)
    • 5.4 forum del progetto (capofila)
    • 5.5 divulgazione strumenti scientifici (capofila)
    • 5.6 disseminazione prodotti informazioni